Q Design

4 Settembre 2021
di admin
Commenti disabilitati su I migliori concorsi di design in giro per il mondo

I migliori concorsi di design in giro per il mondo

Abbiamo selezionato i migliori concorsi di design del mondo, vere e proprie manifestazioni dove la creatività si esprime ai massimi livelli, dove il gusto personale si esprime a pieno, come quando scriviamo sui motori di ricerca “Eurobet recensione” e andiamo a leggere i commenti sul sito di scommesse più popolare al mondo.

 Ecco quali sono, a nostro parere, concorsi di design più famosi del mondo.

 D&AD Awards

Siamo a Londra e il concorso è indetto da un’associazione benefica nata nel 1962 da designer e art director celebri come David Bailey, Terence Donovan, Alan Fletcher e Colin Forbes. Il premio D&AD incorona non soltanto i maestri del settore, ma anche gli studenti più meritevoli, dividendosi in diverse categorie di concorso per altrettante aree commerciali e creative.

 Green Product and Concept Award 2022

Iscrizioni aperte a creativi e visionari di ogni categoria, dai professionisti del design agli studenti, dagli architetti alle startup. Come si evince dal nome, il concorso promuove l’innovazione e la sostenibilità, sia dei prodotti che dei concept. Siamo in Germania, non c’è nessun premio in denaro, ma tantissima visibilità.

 MM Award 2022

Questo contest si rivolge principalmente a liberi professionisti, aziende e studi associati, giovani creativi under 40, dividendo il tema del concorso in tre categorie diverse: design di interni, design di prodotti, design della moda. Anche qui niente soldi, ma tanta visibilità e pubblicità.

 A’ Design Award Competition

Progettisti, studenti e professionisti di tutto il mondo si sfidano in questa competizione internazionale divisi in ben 100 categorie. L’A’ Design Award riconosce ai vincitori non soltanto il trofeo di metallo stampato in 3D, ma anche l’inserimento nell’annuario, una campagna di promozione internazionale, l’esposizione in una mostra dedicata ai migliori designer nelle varie categorie.

 Creative Conscience Awards

Un concorso incentrato sull’uomo e sul sociale, che vede il design come un aggregatore della società e i designer come diretti responsabili del cambiamento necessario per migliorare il mondo. Tutti i brief sono dunque basati sull’impatto sociale del design, dalla salute mentale all’uguaglianza, dalla crisi dei rifugiati al consumo consapevole. Molto attuale.

 Typomania Video Contest

Ci spostiamo a Mosca, al festival internazionale dedicato alla tipografia, al motion design e al design interattivo. Qui sono i video a fare da protagonisti, perché devono necessariamente giocare un ruolo di primo piano all’interno delle opere in concorso.

 AIGA 50 books – 50 covers competition

Cambiamo genere e parliamo delle migliori copertine di libri dell’anno, per una collaborazione tra AIGA e Design Observer. Nato a New York nel lontano 1923, anche nell’era dei libri digitali il contest AIGA si dimostra uno dei più attesi, perché qui il design assume il potere magnetico di attirare i lettori di tutto il mondo.

 Adesso abbiamo l’imbarazzo della scelta, ma con un po’ di tempo a disposizione possiamo anche girare tutti i migliori concorsi di design in giro per il mondo e ammirare le migliori produzioni internazionali di estetica e funzionalità.

15 Agosto 2021
di admin
Commenti disabilitati su I 5 trend di interior design del 2022

I 5 trend di interior design del 2022

Forme, colori, layout e temi: che cosa ci riserva il prossimo anno quando parliamo di design di interni? Abbiamo individuato 5 trend di design per il 2022’, scopriamoli insieme.

 I colori di base per rilassarsi a casa

Se quest’anno la tendenza più in voga nello scegliere i colori di base degli interni è stata la naturalezza, forse complici anche la pandemia e il tutto il tempo che abbiamo passato dentro casa, per il prossimo anno le parole d’ordine sono relax e comfort. Tonalità neutre che non stancano gli occhi e non vengono a noia, come il bianco e il nero, e ovviamente le sfumature più chiare di grigio, che non passano mai di moda, ma il vero re del 2022 sarà il beige.

 Le forme arrotondate dell’arredamento

Rotondità che ricorda le forme femminili, sia per i mobili che per l’architettura di casa. Niente angoli, pochi spigoli, nessuna struttura dritta: sedie, divani, sgabelli, mobili e tavoli, ma anche vasi e candelabri perdono rigidità e acquistano morbidezza. Allo stesso modo, gli archi e le nicchie prendono piede nelle case più alla moda.

 Il minimalismo non passa mai

Anche in questo caso, la pandemia ha cambiato la vita di molti, anche nelle piccole cose quotidiane: abbiamo fatto pulizia in cantina e in soffitta, ma anche soggiorno, camere e cucina si sono svuotate, per lasciare spazio aperto, aria e luminosità al nostro ambiente. Attenzione però, lo stile minimalista richiede forme di design e colori ad hoc.

 Natura, natura e ancora natura

Il trend del 2022 è segnato dagli avvenimenti degli ultimi due anni: ricerchiamo la natura nelle forme e nella sostanza. Anche i materiali, infatti, sono sempre più naturali: pietre come onice, granito e marmo, ma anche tanto legno, lino e cotone. Colori chiari e naturali, luminosi ma non lucidi.

 La rivisitazione degli spazi

Un trend che si ripropone, oggi più mai, è quello dell’unione degli spazi: soggiorno, sala da pranzo e cucina non troveranno soluzione di continuità, la combinazione delle stanze prende piede andando nella direzione del loft. Le parole chiave, in questo caso, sono funzionalità e vivibilità, perché passiamo più tempo dentro casa, per lavoro e per piacere. Anche la cucina acquista centralità, attrezzandosi per far fronte a tutti i pasti della giornata. Nel 2022 vedremo spazi divisi da pareti di vetro o di legno, porte trasparenti ma isolanti, separé utili per frammentare gli ambienti.

 Il mondo intorno a noi cambia sempre più rapidamente, così come le nostre necessità: adesso possiamo guardare la nostra casa con occhi diversi, cercando di sposare ciò che il design unisce da sempre: bellezza e funzionalità. Perché non provarci anche da soli?

15 Luglio 2020
di admin
Commenti disabilitati su 4 risorse gratuite ed essenziali per i graphic design

4 risorse gratuite ed essenziali per i graphic design

Tool utili e gratuiti per smanettoni del web o professionisti della grafica digitale

Il web è come un mercato di dimensioni galattiche dove possiamo trovare tutto quello che ci serve, un mercato per tutti i gusti e per tutte le tasche pieno di occasioni da non lasciarsi sfuggire, come le scommesse bet365!

Chi lavora con internet conosce banchi e mercanti, ma a volte le offerte migliori sono quelle un po’ nascoste dietro agli oggetti più luccicanti.

Vediamo allora 4 risorse gratuite ed essenziali per ogni graphic designer di oggi.

Flat UI Colors: il mondo gratis e a colori.

All’apparenza una delle pagine web più semplici del mondo, una serie di griglie di colori divise per tipologie e nazione. Niente di più semplice, vero?

Semplice e al tempo stesso utilissima, imprescindibile per ogni specialista del settore grafico e per tutti i professionisti che lavorano nelle interface design.

Tutte le volte che siamo alla ricerca del colore giusto, della tonalità perfetta per una pagina web, per un logo o per un disegno, possiamo attingere dalle tavolozze che Flat UI Colors mette a disposizione gratuitamente per gli utenti del suo portale web. Tutto questo con un semplice copia e incolla del colore selezionato!

Tutte le icone e i font che ci servono con Font Awesome

Un’altra risorsa mitica (e gratuita) per tutti i professionisti della grafica digitale, è Font Awesome, il free tool più famoso del web per scegliere le icone delle nostre app o del nostro sito. Utilizzato da circa 80 milioni di siti web in tutto il mondo, nel catalogo di Font Awesome possiamo trovare qualunque icona (per giunta vettoriale) possa servirci per i nostri blog, siti web, pagine social, ma anche splendidi font che possiamo linkare direttamente al nostro spazio in Rete. Uno strumento straordinario e utilissimo.

Geometrie di sfondo su Triangles

Nella nostra rassegna non poteva mancare uno spazio dedicato ai temi di sfondo e alle texture. Con Triangles possiamo infatti generare in modo automatico sfondi astratti con geometrie da capogiro, e ovviamente personalizzare il tutto con il nostro tocco grafico. Sfondi gratuiti per blog, siti web, app e quant’altro ci occorra! Ovviamente possiamo regolare mille parametri, nella creazione del nostro sfondo, dal colore alla luminosità, dai riflessi alle dimensioni, con un semplice clic del mouse.

La foto ideale su Unsplash

Abbiamo trovato icone, font e sfondi: a questo punto ci mancano soltanto delle splendide foto!

Su Unsplash abbiamo a disposizione un catalogo gratuito e pressoché infinito di immagini ad alta qualità, messe a disposizione dalla community di fotografi professionisti e amatoriali. Non avremo più problemi di qualità del file o di copyright, potremo selezionare le foto che ci piacciono e che ci servono e scaricarle selezionandole per colore, tematica o per parole chiave. Avremo davvero l’imbarazzo della scelta.

Internet è nato per collegare le persone di tutto il mondo e per condividere la conoscenza, ecco perché possiamo trovare tutto ciò che ci serve, spesso in modo gratuito. Approfittiamone!

29 Gennaio 2020
di admin
Commenti disabilitati su Perchè il Web design è la professione del futuro

Perchè il Web design è la professione del futuro

Nella società moderna si sente parlare sempre più spesso  di nuove professioni come quella del copywriter, del graphic, del digital o del web design. Si tratta di mestieri nuovi legati allo sviluppo di Internet. Online, infatti, esistono migliaia di siti che si occupano praticamente di ogni cosa: dalla politica all’attualità, dall’economia all’arte, dalle scommesse ai giochi come il sito codice-bonus.net che offre alcune delle promozioni più vantaggiose del circuito. Ma perchè quella del Web design è considerata una delle professioni più promettenti del futuro? Scopriamolo insieme.

Chi è il Web designer

Quella del web designer è una nuova figura professionale legata, come anticipato, allo sviluppo del Web, delle piattaforme Social, delle App e dei tanti Device disponibili oggi sul mercato. Un bravo Web designer deve avere principalmente competenze di natura grafica a cui, però, deve aggiungere anche nozioni di marketing. Diversamente dal Web developer che si occupa dello sviluppo, della programmazione e dell’implementazione informatica dei diversi prodotti disponibili su internet, il Web designer ne cura principalmente l’aspetto estetico

Cosa fa il Web designer

L’obiettivo del Web designer è quello di rendere le interfacce di siti, App, portali,  device etc. quanto più accattivanti e usabili possibile per l’utente. Un’interfaccia grafica, infatti, deve essere esteticamente attraente ma, al contempo, anche  “user friendly”. Per questo nel suo lavoro il Web designer deve costantemente confrontarsi sia con il Web developer- che cura la programmazione e lo sviluppo dei prodotti- sia con il reparto o con il referente marketing e comunicazione che è invece responsabile dei contenuti e delle strategie alla base dei prodotti stessi. 

Perchè il Web designer è così importante

In una società così competitiva come quella moderna, per far crescere il proprio business- qualunque esso sia- è importante distinguersi dalla massa e, soprattutto, è fondamentale diversificarsi rispetto ai propri competitor. Ciò vale sia per i soggetti privati che per le grandi imprese: la concorrenza sempre più agguerrita, infatti, richiede dei notevoli sforzi in termini di marketing e comunicazione per consolidare i propri clienti e accaparrarsi costantemente nuovi target e nuovi potenziali acquirenti. Nella maggior parte dei casi questa competizione si svolge proprio sul Web e da ciò si deduce quanto sia importante avere dei siti, delle app, dei portali, dei device etc. che abbiano delle interfacce facili da usare e belle da vedere. Ecco perché il ruolo del Web designer è così importante e in futuro, con il costante aumento della digitalizzazione e dell’e-commerce, questa professione acquisirà ancora più importanza. Non è un caso che tutte le maggiori aziende abbiano già integrato i loro reparti marketing prevedendo la nuova figura del Web designer.

 

Come diventare Web designer

Per diventare un Web designer è possibile scegliere uno dei tanti corsi disponibili sia in Italia che all’estero. Molti di questi corsi possono essere svolti anche da remoto il che li rende ancora più interessanti. Chi volesse coniugare le competenze di Web designer con quelle di Web developer può conseguire una laurea in informatica specializzandosi in seguito con qualche corso di grafica o design.

9 Gennaio 2020
di admin
Commenti disabilitati su 10 cose che non sai sul Digital Design

10 cose che non sai sul Digital Design

Internet ha completamente rivoluzionato il modo attuale di informarci, di comunicare e perfino di lavorare. Basta fare un giro online per trovare siti che si occupano di tutto, dalla politica all’arte, dall’economia all’attualità, dallo sport ai giochi e alle scommesse come, ad esempio, codici-promozione.it che offre alcuni dei bonus più vantaggiosi del momento. Inoltre, grazie al Web, sono nate figure professionali e mestieri che, sino a poco fa, non esistevano come quella del “Digital Design”. Ma cos’è, di cosa si occupa e perchè è così importante questa professione? 

Ecco la top list delle 10 cose che forse non sai sul lavoro del Digital Designer:

Cos’è

Quella del digital designer è una figura professionale multi-tasking che combina aspetti creativi e tecnici per creare prodotti digitali differenti come siti web, modelli in 2D o 3D, video,  interfacce grafiche, pubblicità e perfino animazioni cinematografiche.

Dove lavora un digital designer

Principalmente un digital designer lavora presso delle agenzie di grafica, di comunicazione o Web agency ma può essere impiegato anche nei dipartimenti di Marketing di aziende diverse. Molti digital designer, inoltre, operano in maniera individuale come freelancer.

Perché è importante

La figura del digital designer è fondamentale nel mondo odierno in cui la competizione tra aziende e Brand passa sempre di più sul Web. Creare dei contenuti avvincenti sotto il profilo grafico è necessario se si vuole attrarre target sempre più ampi.

Quando interviene

Un digital designer assume un ruolo importante sia nella fase di progettazione e ideazione, sia nella fase di test. Spetta infatti al digital designer eseguire delle verifiche simulando l’esperienza di utente in modo da verificare che la progettazione grafica sia perfettamente in linea con l’usabilità del prodotto. Ciò è particolarmente importante soprattutto nel caso dei siti web in cui il design deve valorizzare e donare “appeal” ai contenuti.

Cosa fa

Una delle attività principali di un digital designer è quella di progettare da zero dei siti web, studiandone la struttura e l’impaginazione grafica. Spesso il lavoro del digital designer consiste anche nel riorganizzare siti già esistenti in modo da renderli più attrattivi e “usabili”. Largo impiego della digital design si ha anche nel campo dei videogiochi, delle App e della pubblicità online.

Quali competenze deve avere

Un bravo digital designer deve possedere sia skill di natura tecnica, in primis in campo di progettazione informatica, che competenze di natura artistica. È fondamentale, inoltre, avere doti organizzative e essere sempre aggiornati sugli ultimi trend del marketing.

Come diventare digital designer

In Italia non esiste ancora una facoltà universitaria per diventare digital designer ma è possibile frequentare uno dei tanti corsi di specializzazione presenti anche online.

Perchè è diverso dal graphic design

Mentre il graphic designer si occupa solo del “layout” e dunque cura aspetti puramente estetici come formato, colori, impaginazione etc. un digital design cura, oltre all’aspetto grafico, anche quello della struttura e della progettazione web.

Quanto guadagna

Lo stipendio di un digital designer varia molto sia in basa alla sua expertise che al tipo di cliente. In Italia si tratta di una figura ancora nuova ma all’estero, soprattutto in America, gli stipendi mensili di un bravo digital designer superano i 5mila dollari.

Quale sarà il futuro di questa professione

Secondo un’indagine del BLS (Bureau of Labor Statistics), entro il 2026 la diffusione e l’occupazione dei digital designer crescerà del 10%.